array(1) { [0]=> object(Apache_Solr_Document)#24 (3) { ["_documentBoost":protected]=> bool(false) ["_fields":protected]=> array(6) { ["content_id"]=> array(1) { [0]=> string(14) "DIRECTORY_5280" } ["content_title"]=> array(1) { [0]=> string(15) "ALESSIA VIGNOLI" } ["description"]=> array(1) { [0]=> string(15785) "Inserire qui il curriculumInsert here the curriculum a:15:{i:0;a:14:{s:9:"citazione";s:245:"Vignoli, A., Lupi, R., & Peverini, L. (2014). Società non operative: una patrimoniale mascherata da criterio (contronatura) di determinazione dei redditi -La mistificazione reddituale di un prelievo patrimoniale. DIALOGHI TRIBUTARI(2), 132-145.";s:4:"data";s:4:"2014";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260392";s:6:"handle";s:11:"2108/139592";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";s:36:"operative; commerciale; immobiliari";s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";s:1055:"Torniamo sulle società non operative e la determinazione della ricchezza, con la tesi secondo cui si tratterebbe di una tassazione patrimoniale, reazione tributaria di un «uso improprio» civilistico della forma societaria. Resta tuttavia la mancanza di senso economico della relativa disciplina, salvo che la tassazione di un patrimonio altrimenti esente sia una specie di stravagante sanzione fiscale per una «violazione civilistica». Forse ha contribuito a questo espediente normativo la incompatibilità comunitaria della tassazione delle società per l’iscrizione al relativo registro. È verosimile che l’imposizione di un reddito fittizio sia una soluzione di ripiego, un espediente per sottrarsi a censure comunitarie e rimpinguare le leggi finanziarie annuali, con un provvedimento che si presenta bene in conferenza stampa. Sul piano del consenso e della coesione sociale, la logicità nella determinazione della ricchezza è un «optional», almeno fino a quando neppure gli studiosi sanno valorizzare e difendere questo punto di vista.";s:9:"metadata5";s:166:"Società non operative: una patrimoniale mascherata da criterio (contronatura) di determinazione dei redditi -La mistificazione reddituale di un prelievo patrimoniale";s:9:"metadata6";s:32:"Vignoli, A; Lupi, R; Peverini, L";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:1;a:14:{s:9:"citazione";s:254:"Vignoli, A., Lupi, R., & Racioppi, R. (2014). Quale coordinamento tra giudizio di ottemperanza ed esecuzione ordinaria a favore del contribuente?-Quale convenienza per l’ottemperanza rispetto all’esecuzione ordinaria?. DIALOGHI TRIBUTARI(5), 513-516.";s:4:"data";s:4:"2014";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260397";s:6:"handle";s:11:"2108/139591";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:175:"Quale coordinamento tra giudizio di ottemperanza ed esecuzione ordinaria a favore del contribuente?-Quale convenienza per l’ottemperanza rispetto all’esecuzione ordinaria?";s:9:"metadata6";s:32:"Vignoli, A; Lupi, R; Racioppi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:2;a:14:{s:9:"citazione";s:260:"Vignoli, A., Secco, M., & Chirico, C. (2014). Raddoppio dei termini tra pasticci contingenti e questioni di fondo: dalla decadenza alla prescrizione? - Ancora sull’opportunità di passare «dalla decadenza alla prescrizione». DIALOGHI TRIBUTARI(5), 471-478.";s:4:"data";s:4:"2014";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260399";s:6:"handle";s:11:"2108/139590";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:181:"Raddoppio dei termini tra pasticci contingenti e questioni di fondo: dalla decadenza alla prescrizione? - Ancora sull’opportunità di passare «dalla decadenza alla prescrizione»";s:9:"metadata6";s:32:"Vignoli, A; Secco, M; Chirico, C";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:3;a:14:{s:9:"citazione";s:239:"Vignoli, A. (2013). Sulla pretesa tassatività dei divieti di accertamento di valore per l’espropriazione forzata ed i trasferimenti coattivi (il caso del concordato preventivo),. RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO TRIBUTARIO, 4(4), 251-271.";s:4:"data";s:7:"2013-12";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_217857";s:6:"handle";s:11:"2108/102879";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:160:"Sulla pretesa tassatività dei divieti di accertamento di valore per l’espropriazione forzata ed i trasferimenti coattivi (il caso del concordato preventivo),";s:9:"metadata6";s:10:"Vignoli, A";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:4;a:14:{s:9:"citazione";s:170:"Vignoli, A. (2013). Sponsorizzazioni, riserve mentali e motivazioni esplicite -Una decisione corretta con una motivazione troppo generale. DIALOGHI TRIBUTARI(2), 177-180.";s:4:"data";s:4:"2013";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260272";s:6:"handle";s:11:"2108/139595";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";s:46:"spese; pubblicità; sponsorizzazione; inerenza";s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";s:1121:"Una decisione giusta, un principio sbagliato. L’ordinanza della Corte di cassazione n. 3433 del 2012 ha fatto benissimo a disconoscere come spese di pubblicità la specifica sponsorizzazione esaminata, ma questo non è un buon motivo per equiparare, in via generale, la sponsorizzazione alla rappresentanza, separandola dalla pubblicità. È del tutto normale che i giudici cerchino di limitare la deducibilità delle sponsorizzazioni quando abbiano il «ragionevole dubbio» (emergente tra le righe nel caso di specie) che dietro ci sia un artificio. Cioè che la sponsorizzazione «regga poco», e quindi si possa sospettare che una parte delle somme siano state retrocesse dallo sponsor allo stesso soggetto che le ha erogate. In questo modo, però, la via processuale al diritto tributario semina il campo di «vittime collaterali» ed è da chiedersi se anche per la grande azienda che sponsorizza, poniamo, una squadra di calcio di serie A, con ricorrenti uscite nei circuiti televisivi, si tratti di spese di rappresentanza. È un altro inconveniente della via «legalistico- processuale» al diritto tributario.";s:9:"metadata5";s:117:"Sponsorizzazioni, riserve mentali e motivazioni esplicite -Una decisione corretta con una motivazione troppo generale";s:9:"metadata6";s:10:"Vignoli, A";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:5;a:14:{s:9:"citazione";s:268:"Vignoli, A. (2013). Sull’applicabilità d’ufficio delle mitigazioni sanzionatorie previste «ex legge» dopo l’introduzione del giudizio -Sull’applicabilità d’ufficio della norma sanzionatoria più favorevole al trasgressore. DIALOGHI TRIBUTARI(5), 443-450.";s:4:"data";s:4:"2013";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260387";s:6:"handle";s:11:"2108/139593";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";s:44:"omesso; tardivo versamento; ius superveniens";s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";s:814:"Proponiamo un interessante riflesso teorico di una vicenda in sé limitata, relativa ad alcune disposizioni sull’anticipazione, di pochi giorni, del versamento dell’accisa sul gas metano, evidentemente sfuggite alle procedure interne di alcune aziende municipalizzate, che avevano effettuato i versamenti nei termini ordinari precedenti, cioè tardivi di pochi giorni. A fronte del ritardo era stata inflitta la sanzione ordinaria del 30%, palesemente abnorme rispetto al danno erariale effettivo, contestata per vari motivi, spesso riconosciuti nei gradi di merito. Nel 2011, a contenziosi in corso, è stata introdotta una disposizione generale che, in quanto più favorevole al trasgressore, è estranea al processo e deve essere applicata non «d’ufficio dal giudice», ma «d’ufficio dall’Ufficio».";s:9:"metadata5";s:216:"Sull’applicabilità d’ufficio delle mitigazioni sanzionatorie previste «ex legge» dopo l’introduzione del giudizio -Sull’applicabilità d’ufficio della norma sanzionatoria più favorevole al trasgressore.";s:9:"metadata6";s:10:"Vignoli, A";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:6;a:14:{s:9:"citazione";s:345:"Vignoli, A., Covino, S., & Lupi, R. (2013). Prestiti di personale, ed esclusione da IVA dei riaddebiti al costo (anche attraverso società «in house») -Distacco e intermediazione di personale: un’irrilevanza IVA conforme alla logica del tributo (e da non confondere coi servizi ad alta intensità di lavoro) . DIALOGHI TRIBUTARI(3), 318-327.";s:4:"data";s:4:"2013";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260191";s:6:"handle";s:11:"2108/139367";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";s:28:"costi; personale; riaddebito";s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:255:"Prestiti di personale, ed esclusione da IVA dei riaddebiti al costo (anche attraverso società «in house») -Distacco e intermediazione di personale: un’irrilevanza IVA conforme alla logica del tributo (e da non confondere coi servizi ad alta intens...";s:9:"metadata6";s:30:"Vignoli, A; Covino, S; Lupi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:7;a:14:{s:9:"citazione";s:238:"Vignoli, A., Lupi, R., & Palestini, S. (2013). Ammortamento dei distributori di carburanti: la stazione è servita «a pezzettini» -Aggregazione o disaggregazione solo ai fini dell’imputazione a periodo. DIALOGHI TRIBUTARI(3), 295-302.";s:4:"data";s:4:"2013";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260382";s:6:"handle";s:11:"2108/139594";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";s:44:"ammortamento; stazioni; serbatoi; competenza";s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";s:973:"La sentenza della Corte di cassazione n. 12924 del 2013 consente di riflettere sull’aggregazione dei beni ai fini dell’ammortamento, soprattutto sulla attitudine di concetti economico-funzionali (cui si riferisce il decreto sull’ammortamento), come quello di «stazione di servizio», di aggregare elementi materiali autonomi, come i terreni, le colonnine, i serbatoi, le tettoie, le apparecchiature per l’aria compressa e l’acqua, le insegne, i ricoveri del personale (anche se «fabbricati ») e simili. Non importa tanto la conclusione, quanto le argomentazioni «atomistiche», secondo cui i singoli elementi che concorrono a formare la stazione di servizio vengono considerati isolatamente, svuotando fortemente il concetto normativo di «stazione di servizio» per una questione, non solo di pretesa «evasione interpretativa», ma di imputazione a periodo, dove si tratta solo di riposizionare gli elementi di costo e di ricavo in altri periodi di imposta.";s:9:"metadata5";s:158:"Ammortamento dei distributori di carburanti: la stazione è servita «a pezzettini» -Aggregazione o disaggregazione solo ai fini dell’imputazione a periodo";s:9:"metadata6";s:33:"Vignoli, A; Lupi, R; Palestini, S";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:8;a:14:{s:9:"citazione";s:109:"Vignoli, A. (2012). La determinazione differenziale della ricchezza ai fini tributari. Roma : Dike giuridica.";s:4:"data";s:7:"2012-11";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_217848";s:6:"handle";s:11:"2108/102875";s:9:"metadata1";s:10:"Monografia";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:65:"La determinazione differenziale della ricchezza ai fini tributari";s:9:"metadata6";s:10:"Vignoli, A";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:9;a:14:{s:9:"citazione";s:176:"Vignoli, A., Covino, E, & Lupi, R. (2011). Costi da reato: una interpretazione conforme alla determinazione della ricchezza ai fini tributari. DIALOGHI TRIBUTARI(6), 636-640.";s:4:"data";s:4:"2011";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260406";s:6:"handle";s:11:"2108/139602";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:98:"Costi da reato: una interpretazione conforme alla determinazione della ricchezza ai fini tributari";s:9:"metadata6";s:30:"Vignoli, A; Covino; E; Lupi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:10;a:14:{s:9:"citazione";s:150:"Vignoli, A., & Fruscione, A. (2011). Accordi doganali: esentiamo le importazioni e tassiamo le lavorazioni per conto?. DIALOGHI TRIBUTARI(4), 451-461.";s:4:"data";s:4:"2011";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260409";s:6:"handle";s:11:"2108/139605";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:80:"Accordi doganali: esentiamo le importazioni e tassiamo le lavorazioni per conto?";s:9:"metadata6";s:24:"Vignoli, A; Fruscione, A";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:11;a:14:{s:9:"citazione";s:254:"Vignoli, A., & Lupi, R. (2011). Sono utilizzabili le informazioni bancarie illecitamente sottratte da impiegati di istituti di credito esteri?-L’acquisizione illegittima resta tale, anche se transita per il Fisco estero. DIALOGHI TRIBUTARI(3), 268-271.";s:4:"data";s:4:"2011";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_260407";s:6:"handle";s:11:"2108/139604";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:189:"Sono utilizzabili le informazioni bancarie illecitamente sottratte da impiegati di istituti di credito esteri?-L’acquisizione illegittima resta tale, anche se transita per il Fisco estero";s:9:"metadata6";s:19:"Vignoli, A; Lupi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:12;a:14:{s:9:"citazione";s:156:"Vignoli, A., & Lupi, R. (2010). Deducibilita` delle sanzioni, tassazione attraverso le aziende ed «etica degli affari». DIALOGHI TRIBUTARI, 3(6), 618-620.";s:4:"data";s:7:"2010-12";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_111624";s:6:"handle";s:10:"2108/56767";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:88:"Deducibilita` delle sanzioni, tassazione attraverso le aziende ed «etica degli affari»";s:9:"metadata6";s:19:"Vignoli, A; Lupi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:13;a:14:{s:9:"citazione";s:153:"Vignoli, A., & Lupi, R. (2010). Tassazione aziendale e sospetti di fittizieta` degli acquisti «da paradisi fiscali». DIALOGHI TRIBUTARI, 3(6), 688-690.";s:4:"data";s:7:"2010-12";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_111627";s:6:"handle";s:10:"2108/57132";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:85:"Tassazione aziendale e sospetti di fittizieta` degli acquisti «da paradisi fiscali»";s:9:"metadata6";s:19:"Vignoli, A; Lupi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}i:14;a:14:{s:9:"citazione";s:185:"Vignoli, A., & Lupi, R. (2010). Remunerazione di prestazioni sportive tramite compensi per sfruttamento d’immagine: serve la prova della percezione. DIALOGHI TRIBUTARI, 3(3), 295-299.";s:4:"data";s:7:"2010-06";s:2:"id";s:20:"PUBBLICAZIONE_112039";s:6:"handle";s:10:"2108/57133";s:9:"metadata1";s:19:"Articolo su rivista";s:9:"metadata2";N;s:9:"metadata3";s:35:"Settore IUS/12 - Diritto Tributario";s:9:"metadata4";N;s:9:"metadata5";s:117:"Remunerazione di prestazioni sportive tramite compensi per sfruttamento d’immagine: serve la prova della percezione";s:9:"metadata6";s:19:"Vignoli, A; Lupi, R";s:9:"metadata7";N;s:9:"metadata8";N;s:9:"metadata9";N;s:10:"metadata10";N;}}" } ["meta_keywords"]=> array(1) { [0]=> string(1) "," } ["reserved"]=> array(1) { [0]=> string(1) "0" } ["auth_ip"]=> array(1) { [0]=> string(1) "0" } } ["_fieldBoosts":protected]=> array(6) { ["content_id"]=> bool(false) ["content_title"]=> bool(false) ["description"]=> bool(false) ["meta_keywords"]=> bool(false) ["reserved"]=> bool(false) ["auth_ip"]=> bool(false) } } }